Non si sveglierà più nessuno - La terra dei sogni desti

Vai ai contenuti









.

9 novembre 2021
"Non si sveglierà più nessuno."
 
  
Ormai sono più che convinto: sperare che la gente si svegli è più assurdo dell'assurdo che è in atto. Non si sveglierà più nessuno. Sono sempre più fermamente convinto che bisogna creare sacche di resistenza, organismi ribelli e organizzati, pronti a nuovi modelli di vita, condivisi in un unico e vario movimento che si opponga a questa disumanità dilagante perché di questo si tratta: di una disumanizzazione che insegue vanamente e ingenuamente una sanità, una interezza paranoica, virtuale e inverosimile, un disperato quanto banale e irrealizzabile controllo della morte...sì della morte e non della vita, perché, attraverso il conseguimento del più alto numero di vivi possibili e utili alla causa, è la morte che si vuole controllare, senza rendersi minimamente conto che nel perseguire questo scopo demoniaco e folle si accantona l'esistenza in atto. La salute c'entra ben poco in tutto questo, e la politica conta quanto gli inutili bastardi che la rappresentano e i milioni di mentecatti conniventi che la sostengono, si è andati ben oltre, si mira a ben altro. Una fiducia così farlocca e boccalona nelle istituzioni e nei loro servi: scienziati e politicanti ad uso e consumo, media asserviti e massa mediatica teledipendente e complice (una fiducia che, di fondo, ha le sue radici nella pochezza soggettiva e coscienziale che caratterizza gli ometti e le donnine di questo particolare momento storico) una fiducia così priva di consapevolezza e vera conoscenza delle cose, dei fatti, una totale inapacità intuitiva, un disarmante vuoto di empatia, ma soprattutto l'essere completamente sconosciuti a sé stessi non può fare altro che condurci al disastro totale; disastro che è già in atto ed è irreversibile. Toglietevi dalla testa che si possa tornare indietro. Dimenticate qualsiasi futuro che poggi le basi sul passato recente, è in atto un cambiamento epocale, radicale, inarrestabile in quanto il nulla non può arrestare l'avanzata di un totalitarismo determinato oltre ogni qualsiasi sensibilità o ragionamento, e seppure sia vero che parlare di totalitarismo e di dittatura sia senz'altro eccessivo e irriguardoso nei confronti di chi ha vissuto periodi storici davvero terribili e disumani, l'imbecillità e l'ignavia della gente attuale è persino peggio di allora. L'umanità è destinata ad estinguersi fisicamente in quanto in coscienza si è già estinta. Quel che si sta tentando di mantenere “in funzione” è quel meccanismo che abbisogna di “mano d'opera biologica” per il tempo necessario a passare oltre...ma in questo oltre non è più prevista la figura umana. Checché vi dicano tutti i santi giorni, la salute non è la prima cosa, la vostra squallida sopravvivenza non conta assolutamente nulla per chi gestisce tutte le vostre vite, e checché voi vogliate o preferiate credere sarebbe ora che guardaste in faccia la realtà: “nessun attimo della vostra vita è veramente vostro: voi siete proprietà del lavoro, del denaro e delle banche, della politica, dei farmaci, della società, e delle chiese, in definitiva siete proprietà del passato e quindi siete già morti, che cosa volete salvare? L'umanità potrà salvarsi soltanto se saprà, paradossalmente, accettare la propria morte, e se al tempo stesso saprà essere presente a sé stessa e restare pienamente viva e creativa nell'attimo vissuto, e se sarà totalmente disposta a perdere questo attimo e a rinunciarvi con consapevolezza e accettazione totali.
Via Federico della Monica, 16 - Salerno
Edy Fummo | Cell: +39 3479927157
Torna ai contenuti