È la nostra anima, la nostra coscienza che va vaccinata... - La terra dei sogni desti

Vai ai contenuti
14 luglio 2020
" È la nostra anima, la nostra coscienza che va vaccinata... "

Non è che si diventi dittatori perché si impone l'uso di mascherine e il distanziamento sociale. Non si diventa ribelli o rivoluzionari perché ci si rifiuta di indossare le mascherine e ci si oppone al distanziamento sociale, ma neppure diventiamo uomini o cittadini modello nel ritenere la faccenda circoscritta a queste uniche soluzioni. Nessuna mascherina, ci preserverà ancora a lungo, dalla fragilità manifesta dei nostri giorni, nessuna distanza ci garantirà buona salute avvicinandoci ad un futuro impossibile. Ci dobbiamo svegliare tutti! Il problema che va affrontato urgentemente è garantire agli uomini un corretto stile di vita riappropriandosi di un approccio alla vita quanto più naturale e incondizionato. Garantire e lottare per una sana alimentazione, contribuire ad un ambiente sano, garantire strutture sane e capaci, creare un clima idoneo allo sviluppo e alla pratica della buona salute, garantire a tutti la possibilità di vivere; educare semmai i cittadini di tutto il mondo a contribuire alla realizzazione di queste componenti essenziali per una vita sana e vera. NON È SUFFICIENTE indirizzare gli uomini verso il rispetto di norme medievali che, ammesso che abbiano in parte funzionato, hanno altresì generato panico e paura.... panico e paura che contribuiscono in gran parte a creare terreno fertile affinché ogni sorta di malattia possa svilupparsi. Non è un vaccino che risolve tutto. Il vaccino è un'ottima pezza che mettiamo sulle ruote delle nostre maltrattate biciclette costrette a correre su strade piene di buche e chiodi. Non cediamo alla paura, non cediamo a facili quanto inutili polemiche, piuttosto contribuiamo tutti a cambiare ciò che ci circonda e ciò che ci coinvolge quotidianamente; i nostri stili di vita ormai sono inadeguati affinché questo mondo possa ancora vivere a lungo. In questo momento, temo che l'abbiano capito in pochi, non è necessario sopravvivere, ma lottare e persino morire per garantirsi una vita che si possa davvero definire tale per noi e per i nostri figli. E per fare questo non dovremo gridare da dietro le mascherine, non dovremo gridare ad un metro uno dall'altro, ma semplicemente tutti insieme con fiducia e determinazione e costante attenzione. Il mondo siamo noi, la cattiva salute di questo mondo è la nostra cattiva salute che si nutre del nostro totale disimpegno affidandosi a tale o talaltro politico, seguendo esperti di scarsa utilità o informazioni pilotate o di dubbia provenienza. È TROPPO FACILE ED ESTREMAMENTE INUTILE PERDERE TEMPO A PARTEGGIARE O A CONFUTARE UNA LINEA O L’ALTRA.
È necessario lottare per essere sani e non avere ragione. Spesse volte è proprio la ragione a farci ammalare con la sua visione unilaterale e limitante. Viviamo un tempo in cui le democrazie sono imposte, la salute è imposta, l'informazione è imposta, le linee da seguire sono tutte imposte per un motivo molto semplice: perché non c'è un reale interlocutore. Siamo tutti tesserine di un immenso domino, e basta un leggero soffio di vento, un colpo improvviso e cadiamo tutti, uno dietro l'altro. La buona salute non è una questione di ragione imposta, piuttosto è correggere tutti gli innumerevoli conflitti che determinano queste disfunzioni ormai globalizzate, è comprendere le infinite interconnessioni col mondo che ci circonda e favorirne gli sviluppi in armonia col nostro reale benessere. È necessario diventare il nostro benessere e non demandare sempre qualcuno, ed è ormai evidente che questo qualcuno non è in grado di tutelare adeguatamente le nostre vite. Per forza di cose dobbiamo ognuno diventare quel pezzettino di buona salute impegnandoci a mantenerci sani, con la più ampia conoscenza e sviluppo di sé stessi, e con il rispetto di tutti gli esseri viventi porre la giusta attenzione e cura a quanto ci circonda. È la nostra sfera interiore in relazione al circostante che va guarita urgentemente e non il nostro corpo. È la nostra anima, la nostra coscienza che va vaccinata con il virus stesso della vita nella sua essenza più alta, più profonda e più vera.











.

Stay tuned

Prossimamente
DREAM The Forgotten Language



Via Federico della Monica, 16 - Salerno
Edy Fummo | Cell: +39 3479927157
Torna ai contenuti