Che è successo? - La terra dei sogni desti

Vai ai contenuti









.

12 agosto 2021
"Che è successo?"
 
Ciao! - gli faccio contento di vederlo. Erano mesi che non lo vedevo e che non lo sentivo, negli ultimi tempi ci siamo un po' persi di vista, da parte mia un pochino anche volutamente, a causa delle nostre differenze di vedute sul covid: lui profondamente vaccinista, io no!

- Come stai? - mi dice lanciandomi uno sguardo di chi è sinceramente interessato.

- Bene - gli dico - anzi benissimo! Vuoi sapere la grossa novità?

- Dai... racconta! - mi dice lui.

- Mi sono vaccinato. Tutt'e due le dosi - gli espongo a bruciapelo.

- Stai scherzando!?

- No. Non scherzo. Sto recitando la mia parte, sto seguendo le battute, la commedia richiedeva che dicessi e facessi questa entrata e l'ho fatta. A questo punto la commedia prevede che io continui a chiedermi :che è successo!

- Lo sapevo. Ho sempre pensato che tu fossi una persona intelligente - mi risponde, per poi aggiungere - non poteva essere che tu non capissi questo e che ti ostinassi in quell'atteggiamento stupido e irresponsabile - e concludendo mi abbraccia e poi mi stringe la mano.

- Anch'io ho sempre pensato che tu fossi una persona intelligente, l'avrei pensato e ti avrei abbracciato e stretto la mano anche se non ti fossi vaccinato però.

- Beh come ti senti allora? continua lui - non ti senti più sereno? In fondo che cosa c'era da temere?

- Ah... per me niente... è che non lo volevo fare... è che mi sono sempre curato in altra maniera... è che credevo nelle difese immunitarie... è che credevo anche alle cure domiciliari... e poi lo sai che sono sempre stato un po' diffidente nei confronti della medicina e che per prendere una pillola devo stare davvero male... altrimenti ne faccio volentieri a meno.

- Vabbè ma adesso è fatta... come ti ho detto, hai dimostrato di essere intelligente e responsabile non credendo più a tutte quelle fesserie che leggevi e raccontavi.

- Beh anche tu però mi stai dimostrando di essere un po' fesso credendo a quello che ti ho detto, in fondo si trattava di prove, prove che non conosci, che non hai mai visto, ma che scambi per realtà e verità,  potrei averti detto un sacco di fesserie e di bugie, ma non offenderti,  fanno tutti così: si crede a quel che si vuol credere, si accetta quel che si vuole accettare, si apprezza quel che si apprezza... tuttavia questo non significa essere intelligenti. Come ti ho detto... anch'io ho sempre pensato che tu fossi una persona intelligente, l'avrei pensato anche se non ti fossi vaccinato però. È che ho un brutto vizio e quando entro in una parte ci  entro con tutto me stesso, pertanto continuo a chiedermi: " ma che è successo? Tu, invece, sembri sapere perfettamente cosa è successo, e in tantissimi dicono la stessa cosa, quindi saprai dirmi pure ciò che è successo a me... e del resto per reputarmi intelligente devi in qualche misura esserti valutato intelligente quel che basta per definirmi tale.
Da parte mia continuo a recitare la mia parte e a chiedermi che è successo? In fondo, a dirla tutta anche tu avresti potuto mentirmi e dirmi una fesseria affermando di esserti vaccinato e magari non l'hai fatto, ma a me poco o nulla avrebbe importato, in un senso o in un altro ti avrei considerato comunque intelligente... ammettendo che io sia in grado di riconoscere l'intelligenza laddove essa si manifesta.  Il fatto è che continuo a recitare la mia parte... non so se ne sono capace, non so se sono adatto, se sono intelligente, ma ci provo e continuo a chiedermi che è successo. Ora che ci penso, mi rendo conto che devi essere molto ma molto più intelligente di me per aver capito cosa è successo, per aver capito la mia stupidità e successivamente la mia intelligenza per un vaccino che non ho fatto e che non farei nemmeno sotto tortura. Senti. Io avrei ancora una domanda da farti... porta ancora un po' di pazienza: visto che sei così intelligente puoi dirmi che è successo?

FINE DEL PRIMO ATTO
Via Federico della Monica, 16 - Salerno
Edy Fummo | Cell: +39 3479927157
Torna ai contenuti